Titolo II Capo 6 Turismo – Aiuti agli investimenti delle piccole e medie imprese del turismo in Puglia

Titolo II Capo 6 Turismo – Aiuti agli investimenti delle piccole e medie imprese del turismo in Puglia

Finanziamento a tasso zero senza garanzie e Contributo a fondo perduto fino al 45% per gli investimenti delle imprese pugliesi del settore turistico-alberghiero

 

 

BENEFICIARI

 Microimprese, piccole imprese, medie imprese.

Il bando è riservato alle imprese che intendono realizzare in Puglia un’iniziativa relativa alla fornitura di servizi nel campo del turismo e della fruizione/valorizzazione dei beni culturali e delle risorse ambientali riguardanti i settori:

  • Alberghi
  • Villaggi turistici
  • Ostelli della gioventù
  • Colonie marine
  • Affittacamere per brevi soggiorni, case vacanze, residence
  • Bed and breakfast
  • Aree di campeggio e aree attrezzate per camper e roulotte
  • Gestione di approdi turistici e rimessaggio delle imbarcazioni
  • Noleggio di biciclette
  • Noleggio di imbarcazioni da diporto
  • Noleggio di biancheria da tavola, da letto, da bagno e di articoli di vestiario
  • Noleggio di strutture ed attrezzature per manifestazioni e spettacoli
  • Attività delle agenzie di viaggio e dei tour operator
  • Organizzazione di convegni e fiere
  • Attività creative, artistiche e di intrattenimento
  • Attività di biblioteche, archivi, musei ed altre attività culturali
  • Gestione di piscine
  • Gestione di impianti sportivi polivalenti
  • Parchi di divertimento e parchi tematici
  • Discoteche, sale da ballo, night club e simili
  • Gestione di stabilimenti balneari

 

PROGRAMMI DI INVESTIMENTO AMMISSIBILI

  1. L’ampliamento, l’ammodernamento e la ristrutturazione delle strutture turistico alberghiere
  2. La realizzazione o l’ammodernamento degli stabilimenti balneari
  3. La realizzazione e/o la gestione di approdi turistici
  4. La realizzazione di strutture turistico alberghiere attraverso il consolidamento ed il restauro e risanamento conservativo di immobili di interesse artistico e storico-architettonico
  5. Il consolidamento, restauro e risanamento conservativo di edifici rurali, masserie, trulli, torri, fortificazioni al fine della trasformazione dell’immobile in struttura turistico alberghiera, con volumetria immutata e fatti salvi i prospetti originari e le caratteristiche architettoniche e artistiche, anche sotto forma di albergo diffuso

 

SPESE AMMISSIBILI (minimo euro 30.000)

  1. acquisto del suolo aziendale e sue sistemazioni entro Il limite del 10% dell’importo dell’investimento in attivi materiali
  2. opere murarie e assillabili
  3. acquisto di macchinari, impianti e attrezzature varie, nuovi di fabbrica
  4. spese di progettazione ingegneristica e di direzione lavori nei limiti del 5% delle spese in opere murarie e assimilate

 

ENTITA’ DEL CONTRIBUTO

Il contributo è pari al 100%:

  • degli interessi del finanziamento concesso da una banca convenzionata con la Regione
  • delle spese inerenti la pratica bancaria e di rilascio garanzie
  • delle spese per il rilascio della garanzia da parte del Confidi

Inoltre viene erogato un contributo aggiuntivo del 20% sulle spese inerenti l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature.

Questo contributo aggiuntivo non può in ogni caso superare:

  • euro 800.000 per le medie imprese
  • euro 400.000 per le micro e piccole imprese 

Per le imprese che hanno conseguito il rating di legalità:

  • l’importo massimo di questo contributo è elevato ad euro 850.000 ed a euro 450.000
  • viene erogata un’ulteriore sovvenzione diretta pari al 2,5% dell’investimento per le micro e piccole imprese e all’1,25% per le medie imprese, per un importo massimo in entrambi i casi di euro 50.000.

Il contributo effettivo viene erogato in un’unica soluzione mediante bonifico bancario direttamente all’impresa non appena vengono rendicontati gli investimenti effettuati, mediante la presentazione delle fatture quietanzate e liquidate ai fornitori con la provvista bancaria.

 

PROCEDURA PER ACCEDERE AL BANDO

 Per accedere al bando l’azienda deve:

FASE 1. Procurarsi una delle seguenti garanzie da presentare alla banca che erogherà il finanziamento: • garanzia del fondo centrale di garanzia gestito da MCC • garanzia regionale tranched cover primo avviso o terzo avviso • garanzia rilasciata da un Confidi  

FASE 2. Procurarsi la delibera bancaria di finanziamento degli investimenti presso una delle banche convenzionate

FASE 3. Presentare la pratica alla Regione per ottenere la concessione del contributo e l’erogazione dello stesso.

La FASE 3 dipende dalla FASE 2, che a sua volta dipende dalla FASE 1.

Le aziende che non saranno in grado di avere un finanziamento bancario, non potranno avere il contributo a fondo perduto regionale.

Le aziende che non saranno in grado di accedere ad una garanzia pubblica o di un Confidi, non potranno avere un finanziamento bancario

 

 

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.